PROVINCIA DEL FERMANO

 FERMO

LE MONETE

DELLA ZECCA FERMANA

DEL XVIII SECOLO

  Le Monete Fermane del XVIII Seccolo

Monete Pontificie di Fermo  tra il 1796 - 1798

Fuse monete , a proprio nome prima di diventare colonia romana latina e riavuto il diritto di zecca in età medioevale  ( 1211 ) perso poi con le altre città dello Stato ecclesiastico sotto papa Leone  X ( 1518 ) ,Fermo non tornerà a produrre moneta che circa tre secoli dopo. Infatti con chirografo datato 13 febbraio  1796 Pio VI , al secolo Gianangelo Braschi, autorizza nuovamente Fermo ad impiantare la zecca in un periodo in cui godettero dello stesso privilegio -Roma a parte-altre ventidue città dello Stato Pontificio , ma solo diciassette effettivamente lo utilizzarono :Ancona ,Ascoli , Bologna ,Civitavecchia , Fano ,Foligno ,Gubbio , Macerata ,Matelica ,Montalto, Pergola ,Perugia San Severino ,Spoleto , Terni , Tivoli , e Viterbo.Con Fermo e Roma un buon numero davvero se si pensa che dalla fine del'500 a poco oltre la metà del secolo  XVIII  ( 1758 )nello Stato  della Chiesa non avevano funzionato più cinque  zecche ,scese poi di numero con clemente  XIII e XIV ................

Ma ciò che più conta è la gran massa di circolante che risultò dalla coniazione - approssimativamente oltre trenta milioni di baiocchi  nemmeno in due anni -e in progresso di tempo svilito nell' intrinseco come attestano i pesi relativi , perché fu questo delirio prodotto dalla politica monetaria di Pio VI . Per stimolare traffici e gli scambi delle merci ,così come lo sviluppo della produzione e la libera iniziativa ,nelle zecche da poco concesse si erano  favorite sempre più ampie emissioni di numerario di rame e di misura senza capire che ,presto o tardi anche ad esso sarebbe toccata la stessa sorte delle cedole svalutate e prodotte in gran copia dal Monte di Pietà ..................

Non c'à quindi da meravigliarsi che di tante monete estratte alcune , come queste , siano giunte sino a noi , sfuggendo alla pur massiccia campagna di ritiro e rifusione promossa nei loro confronti al saggio Pio VII nell'ottocento.                                                                                        Roberto Rossi

                    

             LE MONETE DELLA ZECCA FERMANA

Da Collezione Privata

 

baioccoferm1.jpg (24022 byte)baiocco4 copia.jpg (23292 byte)   baioccoferm64.jpg (35608 byte)baioccoferm66.jpg (35471 byte)

bolognino61.jpg (31463 byte)bolognino62.jpg (30025 byte)   baioccoferm57.jpg (36461 byte)baioccoferm58.jpg (38575 byte)

baioccomezzo51.jpg (33963 byte)baioccomezzo52.jpg (37103 byte)   baioccomez45.jpg (39247 byte)baioccomez49.jpg (40193 byte)

baioccoduemez42.jpg (34350 byte)baioccoduemez43.jpg (33592 byte)   baioccocinq38.jpg (29840 byte)baioccocinq39.jpg (32688 byte)

baioccouno36.jpg (33171 byte)baioccouno37.jpg (36015 byte)   baioccosn30.jpg (36666 byte)baioccosn32.jpg (34707 byte)

baioccodue26.jpg (37049 byte)baioccodue28.jpg (34842 byte)    baioccomezpio24.jpg (32872 byte)baioccomezpio25.jpg (37961 byte)

baioccomadon19.jpg (31670 byte)baioccomadonn18.jpg (35831 byte)     bologninoss15.jpg (31734 byte)bologninoss16.jpg (33090 byte)